Mostra Personale Daniele Basso a cura di Ermanno Tedeschi alla Galleria Ferrero di Ivrea.

Mostra Personale Daniele Basso a cura di Ermanno Tedeschi alla Galleria Ferrero di Ivrea.

Inaugura giovedì 30 novembre la prima personale dell’artista biellese Daniele Basso nei suggestivi spazi di Galleria Ferrero ad Ivrea, città celebre nel mondo per la forte carica culturale e innovativa espressa da Adriano Olivetti. La galleria d’arte contemporanea di Chiara e Massimo Ferrero attiva in Italia e all’estero, con particolare attenzione alla scena newyorkese, dal

Inaugura giovedì 30 novembre la prima personale dell’artista biellese Daniele Basso nei suggestivi spazi di Galleria Ferrero ad Ivrea, città celebre nel mondo per la forte carica culturale e innovativa espressa da Adriano Olivetti.

La galleria d’arte contemporanea di Chiara e Massimo Ferrero attiva in Italia e all’estero, con particolare attenzione alla scena newyorkese, dal 2011 è al secondo piano dello storico edificio di Villa Nesi, dove passato e futuro si fondono nell’ardito e visionario progetto di restauro che ha reso contemporaneo l’edificio.
A cura di Ermanno Tedeschi l’esposizione, distribuita nei diversi ambienti della galleria, conta più di 30 pezzi e propone ai visitatori la visione dell’artista attraverso le opere ed i temi più evocativi.
Anno 1975, Daniele Basso, laureato in economia (Italia e in USA), in Design con tesiesposta al Carrousel du Louvre (Parigi), e in Comunicazione a Milano, ha lavorato peranni a Parigi e New York mantenendo viva la tensione per l’arte. Con all’attivo mostre in Italia (Milano, Napoli, Torino, Roma, Città del Vaticano e Biennale di Venezia) e all’estero(Dubai, San Pietroburgo, New York), per enti pubblici e musei (GAM Roma e Museo della scrittura Torino) come per privati (Coca-Cola, Ski World Cup), Daniele Basso è un comunicatore: racconta per immagini. Palese è la sua volontà di portare chi guarda dentro ad un messaggio e indurlo attraverso le emozioni dell’arte a riflettere.
Noto per le opere in acciaio, materiale virtualmente eterno, lavora anche il bronzo bianco lucidato a specchio, ed è proprio “nello specchiarsi, gesto ancestrale a cavallo tra privato e pubblico ed espressione primordiale di autocoscienza alla base dell’Umanità stessa” – racconta Basso – “che il mio lavoro arte assume una dimensione universale,trasformandoci emotivamente e concretamente nei protagonisti del messaggio che le sculture esprimono, e confermando lo straordinario potere di comunicazione dell’Arte”.
Nelle piegature delle opere, “nel concetto di spigolo, limite dove la materia si piega e prende un’altra direzione” – prosegue Basso – “si manifesta la metafora del cambiamento, sia esso fisico o mentale, unica vera costante della vita!
Cambiamento che è movimento ed energia… Metafora della storia dell’Uomo e delle nostre storie personali, quotidianamente attraversate da decisioni, fatti ed emozioni che ci condizionano e ci rendono unici”. Una visione dell’Uomo come somma e insieme di spigoli “che formano mille superfici come mille sono le facce della realtà, che ci appare unica ma è multipla, come la verità”.
In mostra alla Galleria Ferrero di Ivrea particolare attenzione meritano: il “progetto Vertical Reflection” nato nel 2015 con una mostra personale a NYC Chelsea, e che indaga metaforicamente il ciclo di crescita spirituale dell’uomo; le opere “Gabriel” e “Boogyeman” che contrappongono la “tensione spirituale al bene” con la più materiale “paura che tende a governare le nostre esistenze”; le opere “Plis De La Vie”, “Maternità” e “Bimbo” in un ciclo che passa dalla bellezza femminile alla grandezza della maternità per finire con la gioia di stupirsi come un bimbo; la scultura “Aureo Jr”, un rarissimo uccello pennino, già simbolo del Museo del Segno e della Scrittura di Torino, come metafora assoluta della libertà di espressione.
In riferimento alla mostra lo stesso artista chiude il catalogo (distribuito in galleria) con questa dichiarazione:

“Per la prima mostra personale alla Galleria Ferrero nella vicina Ivrea, ho immaginato una passeggiata tra le diverse stagioni creative della mia carriera. Un percorso costruito attorno alle superfici specchiati che dal primo progetto Web Icon hanno progressivamente acquisito tridimensionalità attraverso l’esperienza di Milano, Roma, San Pietroburgo, Dubai, Atlanta, e New York, fino al progetto Vertical Reflection in mostra anche a Venezia in contemporanea alla 57° Biennale Internazionale d’Arte. Un percorso anche scultoreo con le tecniche esclusive dell’acciaio saldato e lucidato a mano, e quelle più note della fusione in bronzo bianco a cera persa. Un itinerario scandito da emozioni e riflessioni sulla vita ed il suo significato, alla ricerca di simboli in cui riconoscersi, per sognare ed emozionarsi per un futuro migliore”.

Informazioni utili:
Titolo​Daniele Basso
A cura di ​Ermanno Tedeschi
Date​30 novembre 2017 – 30 gennaio 2018
Inaugurazione​giovedì 30 novembre 2017, ore 18.30
Sedi​Galleria Ferrero, Villa Nesi -via Torino 29 – Ivrea (I)
Visita​su appuntamento
Cenni biografici Daniele Basso
Laureato in Economia (Italia e USA), in Design (tesi esposta al Carrousel du Louvre, Paris) e Comunicazione a Milano. Ha lavorato a Parigi e New York (Versace) e Milano (Publicis e FCA). Nel 2011 la mostra Sign Off Design (curatore Luca Beatrice) per la 54. Biennale di Venezia, è al Padiglione Italia(curatore Vittorio Sgarbi), ed entra nella permanente del Museo del Parco di Portofino (curatore Serena Mormino). Nel 2012 la personale alla Rivabella Gallery di Lugano (CH). Nel 2013 è invitato all’evento OverPlay (55. Biennale di Venezia), espone a CUBO Unipol (Bologna) e in Vaticano. Nel 2014 è ospite a Dubai e a Saint Petersburg durante le art week. Nel 2015 la personale alla Ca D’Oro Gallery di NYC-Chelsea, la scultura Coke It’s Me prima ad Expo Milano, poi alla GAM di Roma (curatore Luca Desiata – pptArt) e infine nella permanete del World of CocaCola Museum di Atlanta, la collettiva OPEN a Venezia per il Film Festival e la 56. Biennale d’Arte (curatore Serena Mormino), e l’opera Gigant per Ski World Cup Alta Badia – Dolomites (UNESCO Park Dolomiti). Nel 2016 la collettiva alla Contini Art Factory di Venezia, l’opera pubblica Aquamantio (Mosca 1916 – Biblioteca Civica di Biella – curatore Marco Marelli) e l’opera Aureo per il Museo del Segno e della Scrittura di Torino (curatore Ermanno Tedeschi). Nel 2017 l’antologica Reflections ad Argenta (curatore Irene Finiguerra), le mostre Luce & Pensieri con Paolo Amico a Palazzo Polignac Venezia, Filari di Luce con Dado Schapira nei Poderi Gianni Gagliardo e la personale alla Galleria Ferrero di Ivrea, tutte a cura di Ermanno Tedeschi.
Negli anni ha collaborato per svariati premi in competizioni sportive e di beneficienza tra cui Casa Sanremo Award (67° Festival di Sanremo), Star Team Monaco (S.A.S. Principe Alberto II di Monaco), Rossocorsa Ferrari, Inter Footbal Club, Ski World Cup, Mila Schon e Porche Italia. Dal 2006 collabora con diversi studi d’architettura nazionali ed internazionali per opere e installazioni d’arte in concorsi, grandi opere e settore privato, tra cui la Stazione FS Bologna, Expo Dubai 2020, riqualificazione del Parco Centrale

MOSTRA PERSONALE DANIELE BASSO a cura di Ermanno Tedeschi
Vernissage 30 novembre 2017 dalle h 18,30 alle h 21,30
GALLERIA FERRERO – IVREA
DAL 1 DICEMBRE AL 31 GENNAIO 2018 SU APPUNTAMENTO
cel: +39 347 1414200 – e-mail: galleriaferrero@libero.it

 

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

Cancel reply

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos