Bites of Design: Panini Durini ospita installazioni di artisti internazionali durante il Fuori Salone

Bites of Design: Panini Durini ospita installazioni di artisti internazionali  durante il Fuori Salone

Con l’avvicinarsi di una manifestazione molto attesa, il Salone del Mobile di Milano, Panini Durini con Bites of Design durante il Fuori Salone diventa galleria d’arte contemporanea diffusa. Sei installazioni inedite, infatti, saranno ospitate nei locali di Via Mercato, Corso Magenta, Via Mengoni, via della Moscova, via Orefici e Via Durini. Vanno in mostra sia artisti affermati che figure emergenti,

Con l’avvicinarsi di una manifestazione molto attesa, il Salone del Mobile di MilanoPanini Durini con Bites of Design durante il Fuori Salone diventa galleria d’arte contemporanea diffusa.

Sei installazioni inedite, infatti, saranno ospitate nei locali di Via Mercato, Corso Magenta, Via Mengoni, via della Moscova, via Orefici e Via Durini. Vanno in mostra sia artisti affermati che figure emergenti, come Marco Lodola, Arnaud Nazare-Aga, Mr SaveTheWall, Francesco Vullo, Tanio Liotta e Tomoko.
Il progetto nasce dalla volontà di fare interagire sempre di più Panini Durini con la città, particolarmente durante una delle settimane in cui Milano diventa una vera e propria fucina di idee e di creatività.
Panini Durini con Bites of Design vuole mettere alla ribalta gli artisti e le loro opere in un contesto metropolitano e quotidiano, fuori dagli schemi e dai spazi espositivi tradizionali: l’arte diventa fruibile al pubblico in un contesto accogliente, goloso e amicale, un perfetto connubio di gusto e cultura. Panini Durini ,in partnership con la Galleria Deodato Arte, ha ideato e sviluppato il progetto Bites of Design attraverso una collaborazione diretta e totale: alcune delle opere esposte sono inedite e pensate appositamente per l’occasione, tutte sono state scelte assieme per rappresentare al meglio lo spirito dell’iniziativa: uno sguardo fresco, vivace e mai banale, una re-interpretazione in chiave pop, impertinente e colorata, del quotidiano.

La mostra Diffusa

Lo store di via Mercato si accende di colori e fa dell’arte la padrona di casa con l’istallazione di alcune opere del noto artista Marco Lodola. Di origini pavesi,  Lodola ha formato con un gruppo di artisti il movimento del Nuovo Futurismo dando così il via a una carriera ricca di riconoscimenti importanti. Tra le sue opere più celebri i ritratti di David Bowie, “Marilyn Monroe”, “bacio a Times Square”, “Tentazione”, “500”, “Auto Vintage”, “Coppia In Vespa”, “Batman red”, “Volto degli altri”.
In Corso Magenta, Panini Durini svela il talento del designer francese Arnaud Nazare-Aga e della moglie filippina Adeline che nella loro firma “Artheline” e il conseguente “Artheline PAJ’Art” incorporano la piena espressione dell’incontro di due diverse culture, francese e filippina. Secondo la coppia di artisti le loro sculture di svariate dimensioni, con linee sinuose e dai colori sgargianti, hanno il compito di infondere gioia ed elevare l’umore di tutti coloro che le osservano…In esposizione per tutta la settimana le sculture “Cutie”, “Bootie”, “Toroki Red XS”, “Tubby”, “Chubalito”, “Obaita Trio”, “Kozu”.

Nel Panini Durini di via Mengoni sono protagoniste le opere di Mr SaveTheWall: il giovane artista, di origini comasche, interpreta la società in chiave ironica. Come recita il suo pseudonimo, Mr. Savethewall (“Mr. Salva il muro”) non dipinge sui muri ma li rispetta e li “salva” fissando le sue opere, temporaneamente, con quattro pezzi di nastro adesivo agli angoli oltre ad utilizzare materiali riciclabili e semplici come il cartone. Tra le sue creature di più grande impatto sicuramente “Kiss me orange”, “Kiss me Pink”, “Kiss me”, “My heart”, “Is this love?”, “Freedom”, “Freedom yellow”e “Basquiat”.

Nella centralissima via della Moscova Panini Durini mette in mostra alcune opere del giovanissimo Francesco Vullo; Siciliano, classe 1994, tra le sue creazioni si possono trovare remake di famosi dipinti, surreali combinazioni tra oggetti di uso comune e illustrazioni che rivelano il lato oscuro dei social network. Tra queste “I Scream”,“Iron Jaws”, “Washing Fine Art”, “Birdie”, “Paclemon”, opere fortemente influenzate dalla cultura contemporanea e che presentano molteplici sfumature ironiche e messaggi di critica sociale.
In via Orefici l’ospite d’onore è Tanio Liotta, artista legato soprattutto alla ricerca creativa sul papillon che gli è valsa negli anni numerosi riconoscimenti e pubblicazioni. Per il Fuori Salone di Panini Durini Liotta ha scelto l’arte del pane, elemento primario del cibo e della storia stessa dell’alimentazione umana nonché fulcro dell’offerta del brand milanese. Partendo dall’idea del piacere della convivialità Tanio Liotta presenta “Crumbs”, la sua collezione pensata come un gioco di combinazioni fortuite, quasi fossero briciole di pane rimaste sulla tavola a fine pasto. Ciascuno dei suoi lavori enfatizza il pane come fosse una texture, il tessuto unico delle opere. Per farlo, i soggetti sono confezionati attraverso l’applicazione delle tecniche tipiche di Tanio, che si rifanno sempre al mondo della sartoria.
Oltre a “Crumbs” Panini Durini di via Orefici ospiterà una selezione di opere tratte dalle precedenti collezioni dell’artista.
Lo store di Via Durini infine ospita alcune opere di Tomoko Nagao, artista giapponese che si distingue nel panorama contemporaneo per la sua estetica e poesia fortemente rappresentativa della corrente Micro Pop. Nelle sue opere Tomoko esplora, cita e rilegge l’arte classica, contaminando le più note iconografie rinascimentali e seicentesche di grandi maestri come Leonardo, Tiziano, Botticelli, Caravaggio con la cultura Pop contemporanea. La sua è un’arte innovativa e originale, una trait d’ union tra la tradizione orientale e la cultura occidentale. Tra le sue opere più note Salome Barceloneta, “Botticelli – The Birth of Venus with Baci”, “Mickey Mouse con mutande Armani”.
Ilaria del Fabbro, Project Manager, commenta “L’intento di Panini Durini è di avvicinare il grande pubblico all’arte inserendo le opere in un contesto dove tutti possano toccare con mano l’essenza del design e insieme vivere un’esperienza piacevole come una colazione, un pranzo, una merenda o un aperitivo. Durante il Fuori Salone chiunque entrando in uno dei sei locali che sposano l’iniziativa vivrà il design da vicino ed è proprio questo ad avere entusiasmato anche gli artisti stessi : entrano in contatto con il pubblico vero, quello più dinamico ed eterogeneo”.

In ogni angolo della città c’è un Panini Durini e un’ opera d’arte inedita pronta a stupirti!

 

anna.rubinetto
ADMINISTRATOR
PROFILE

Posts Carousel



Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos