Geo From Hell pubblica “Drown” su UMM, storica label italiana gestita Gianfranco Bortolotti, il creatore di Media Records, oggi rilanciata con successo anche grazie al contributo creativo di Gianluca Motta.

Vincitore 10 anni fa di Top DJ, Geo From Hell oggi è uno dei più stimati dj italiani. 10 milioni di visualizzazioni su YouTube, oltre 250.000 follower su Instagram, chissà quanti su TikTok (…), è resident del Cocoricò di Riccione. In console e sul palco dei grandi festival sa sempre come stupire, con grande tecnica, ottima selezione e grande cuore. 

“Drown” è un cover di un brano di una rock band molto amata, i Bring Me The Horizon ed è davvero molto diversa dall’originale, così energico. 

La versione di Geo From Hell, in cui spicca la voce dell’italiano Dave Deaf, sorprende. “Ho sempre amato questa canzone. Dopo aver trovato una versione voce e chitarra acustica ci ho costruito una base sotto”, spiega Geo from Hell. “Il risultato mi piaceva per cui ho cercato su YouTube una voce che potesse interpretarla. Ho trovato Dave Deaf, che tra l’altro è italiano. Aveva già interpretato una bella cover del brano”.

Geo From Hell ha però chiesto a Dave di cantare con un’intenzione diversa. “Invece di urlare, ho chiesto a Dave di cantarla in modo ‘piatto’… e così è nata. E’ un disco in cui la cassa spinge forte e si contrappone alla voce, che è dolce, in fondo. La canzone è un ibrido che non so collocare. E’ un brano quasi da aperitivo, più che da cuore della serata, semba quasi deep house, però non lo è. Ha il suo mood, chi lo ama lo ama, chi lo odia può farlo. Senz’altro mi rappresenta, è un pezzo introspettivo”.

Geo From Hell feat. Dave Deaf – “Drown” (UMM) su Spotify 

https://open.spotify.com/intl-it/album/7pggUJx4xN7TiOpspY8dCl?si=LVUZv-7fSpGVxbZRqR0ToA

//

Il mondo Media Records / UMM è di nuovo in ebollizione. UMM è una delle più storiche label italiane. UMM sta per Underground Music Movement. Fondata originariamente a Napoli da Flying Records nel 1991, bnel 1997 UMM entrò nell’universo Media Records. Dov’è tutt’ora, grazie al rilancio 2023 firmato Gianfranco Bortolotti, il creatore di Media Records e Gianluca Motta, dj producer con all’attivo tante hit e mille serate, nel ruolo di label manager e coordinatore artistico del progetto.  Tra i primi successi del nuovo corso, la versione di “Mas Que Nada” curata da Samuele Sartini. 

Tra i classici del catalogo UMM ci sono quelli firmati da miti come i Daft Punk. Nel 1994 UMM pubblicò infatti in Italia un vinile che conteneva due diverse versioni di “The New Wave” e due di “Assault”.  Ci sono poi brani firmati Visnadi, tra gli artisti del mondo UMM ancora oggi, MAW (Masters at Work), Todd Terry, Roger Sanchez e Francesco Farfa.