Il libro Dall’Inferno si ritorna di Christiana Ruggeri, giornalista degli esteri del Tg2, racconta una storia di straordinaria disperazione, quella di Bibi, una bimba di soli cinque anni, che si vede costretta a fuggire dal suo paese, il Ruanda, per sfuggire agli atroci massacri in atto nello sfortunato paese africano.
Nel 1994 in  Ruanda iniziò una  guerra civile che  vide  contrapposti l’etnia degli hutu contro i tutsi e gli hutu moderati.
Uno scontro che portò ad un efferato genocidio che non risparmiò nemmeno donne e bambini: in 101 giorni venne assassinato un milione di persone!
L’orrore per Bibi inizia il 13 aprile 1994, quando un gruppo armato hutu entra nella sua casa di Kigali e uccide la mamma, il fratellino, la zia e i cuginetti. Miracolosamente, anche se gravemente ferita ad un braccio, all’addome e  ad un orecchio, Bibi si salva ed intraprende un fortunoso viaggio fino allo Zaire insieme a un milione e duecentomila profughi in fuga dalla guerra. Sua meta finale sarà Roma, dove oggi vive e studia medicina all’università.
Una storia commuovente e terribile, che viene raccontata in prima persona dalla toccante testimonianza di Bibi e che ci fornisce un punto di vista diverso su una delle guerre più atroci del secolo scorso.
Christiana Ruggeri, autrice del libro edito da Giunti, è una reporter appassionata dei paesi africani, che conosce in modo profondo, focalizzando la sua attenzione di giornalista sulla situazione minorile e femminile nei paesi a sud del mondo. Laureata in italianistica, appassionata di fotografia, natura e antropologia, è una vera appassionata di viaggi, intesi come approccio fondamentale a nuove conoscenze e ad altre culture. Vegetariana, è in prima fila nel difendere i diritti degli  animali.
La metà del ricavato ottenuto dalla vendita del libro verrà devoluto dall’autrice a Progetto Rwanda Onlus per la costruzione di una mensa nella scuola materna, all’interno della Casa della Pace e della Riconciliazione di Kigali.
Il romanzo, edito da Giunti, è uscito nelle librerie l’11 marzo 2015 ed  ha avuto ottime recensioni da parte della critica. Questo, tra tutti, il giudizio di Fabio Geda: “La storia di Bibi è una di quelle che, appena hai finito di leggere, ti viene voglia di scendere per strada, partire e cominciare a cambiare il mondo. È un viaggio nell’apocalisse tenuti per mano dalla più dolce e straordinaria delle creature: una bambina resiliente, come solo i bambini sanno essere”.