Giornata Mondiale della Felicità: se fai shopping on line …sei più felice!

Giornata Mondiale della Felicità: se fai shopping on line …sei più felice!

Sapevate che l’ONU ha istituito la Giornata Mondiale della Felicità,  per promuovere a livello globale la felicità come una dei principali obiettivi da perseguire nella vita? Si celebra il 20 marzo. Tanti sono i fattori che contribuiscono a renderci felici, tra cui i piccoli gesti quotidiani: lo shopping, e in particolar modo quello online, è tra

Sapevate che l’ONU ha istituito la Giornata Mondiale della Felicità,  per promuovere a livello globale la felicità come una dei principali obiettivi da perseguire nella vita? Si celebra il 20 marzo.

Tanti sono i fattori che contribuiscono a renderci felici, tra cui i piccoli gesti quotidiani: lo shopping, e in particolar modo quello online, è tra questi. Così Privalia, il sito di shopping online parte di Veepee, ha coinvolto i propri soci italiani in un sondaggio, per scoprire come e in quale misura l’acquisto online contribuisce alla loro felicità.
Lo shopping diverte, rende appagati e aiuta addirittura a superare momenti di stress o noia. Ecco quanto emerso dalla ricerca Privalia, secondo cui il 76% degli e-shoppers si è dichiarato più felice anche grazie allo shopping online.
Ad accendere il buonumore è innanzitutto la possibilità di risparmiare tempo e denaro (83%), seguita dalla curiosità di scoprire nuove marche e prodotti inediti (24%). L’acquisto che più rende felici vede d’accordo sia lui che lei ed è rappresentato dall’abbigliamento (51%). A seguire per l’uomo ci sono i prodotti hi-tech e le scarpe, mentre per la donna arredi e decorazioni per la casa.
Non manca anche l’altruismo: il 45% si dichiara più soddisfatto ad acquistare per gli altri piuttosto che per sé, un sentimento accompagnato, nel 38% dei casi, dall’impazienza di consegnare il dono e condividere il momento di gioia. Le risposte dei soci confermano anche il punto di vista dell’Accademia della Felicità. La Dott.ssa Francesca Zampone, Presidentessa e Master Coach, spiega come il donare sia una delle chiavi per una vita più felice. “Condividere e donare attiva le aree del cervello connesse con il piacere e proprio per questo motivo ci rende felici. Dare agli altri, nel senso proprio di fare un regalo, è infatti una buona cosa non solo per i beneficiari ma anche per coloro che compiono questo gesto. Il dono stimola la connessione sociale, la fiducia e rende felici. Molti studi, inoltre, hanno dimostrato che migliora anche il nostro stato di salute.”
 Se generalmente le spese online vengono guidate da una precisa necessità (64% degli intervistati), trattandosi di Privalia gli intervistati ammettono invece di essere spinti da una vera e propria shopping-mania (33%), alla ricerca di divertimento e senso di appagamento.
Il buonumore inizia al mattino presto, anche i numeri parlano chiaro: ogni giorno i visitatori del sito si concentrano tra le 7 e le 10, il momento in cui Privalia rinnova la sua vetrina digitale, così come la curiosità dei clienti. Gli e-shopping addicted si connettono soprattutto tramite l’app (80% dei casi), complici anche i momenti di noia, poco importa se ci si trova sui mezzi di trasporto verso il lavoro o ancora tra le lenzuola: grazie all’acquisto giusto, la giornata può iniziare con una ricarica extra di positività.
Secondo Privalia è la donna che acquista con maggiore frequenza online, anche se, contro ogni cliché, solo dopo un’accurata valutazione. È l’uomo, infatti, il più istintivo durante lo shopping online, al contrario delle donne che, prima di acquistare, si dedicano ad approfondite ricerche di informazioni, confrontando uno stesso articolo attraverso più canali distributivi e, secondo l’Università del Michigan, ricercandolo fino a 10 volte.
Ovviamente le motivazioni che conducono all’acquisto variano: mentre lui lo fa principalmente per necessità, lei si affida ai propri gusti e passioni, spinta principalmente dal desiderio, anche se spesso giustificato come necessario…“non ho niente da mettere!”.
Le emozioni positive superano quelle negative: solo l’11% degli intervistati di ambo i sessi si sente in colpa in seguito ad un acquisto avventato. Anche la scienza ha confermato l’impatto positivo dello shopping sulla felicità. Secondo il Journal of Consumer Psychology, ad esempio, abbassa il livello di tristezza, permette di acquisire maggiore sicurezza in sé stessi e di conseguenza aiuta a sentirsi più felice.
Dal momento dell’acquisto sino all’arrivo del proprio ordine a casa, sia per lui che per lei, lo shopping online regala piccoli momenti di felicità alla giornata.

 

anna.rubinetto
ADMINISTRATOR
PROFILE

Posts Carousel



Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos