Koen Vanmechelen. The Worth of Life  1982 – 2019

Koen Vanmechelen. The Worth of Life  1982 – 2019

Il Teatro dell’architettura dell’USI  a Mendrisio ospita la mostra Koen Vanmechelen. The Worth of Life 1982 – 2019, in programma fino al 2 febbraio 2010,  a cura di Didi Bozzini. Promossa dalla Fondazione Teatro dell’architettura con la collaborazione dell’Accademia di architettura dell’Università della Svizzera italiana. In visione oltre sessantacinque lavori, realizzati tra il 1982 ed

Il Teatro dell’architettura dell’USI  a Mendrisio ospita la mostra Koen Vanmechelen. The Worth of Life 1982 – 2019, in programma fino al 2 febbraio 2010,  a cura di Didi Bozzini. Promossa dalla Fondazione Teatro dell’architettura con la collaborazione dell’Accademia di architettura dell’Università della Svizzera italiana.

In visione oltre sessantacinque lavori, realizzati tra il 1982 ed il 2019: sculture, dipinti, neon, fotografie nonchè installazioni allestite all’esterno e nei tre piani del Teatro dell’architettura Mendrisio, progettato dall’architetto Mario Botta, raccontano l’articolato percorso artistico mettendo in relazione gli aspetti più prettamente plastici dell’opera dell’artista, con un’attenzione particolare al suo carattere neo-barocco. Attraverso i propri lavori, Koen Vanmechelen cerca di ricreare la complessità della vita per magnificarla e celebrarne il valore in un equilibrio dinamico tra il conoscere nonchè l’immaginare, tra l’anima e l’animale, tra il bello ed il giusto. 

Lungo il percorso espositivo – quasi quarant’anni di attività: tra sculture, dipinti, neon, fotografie e installazioni – oltre che attivista dei diritti umani, i visitatori potranno trovarsi allo stesso tempo davanti ad un campo di grano delimitato, scoprire le mani di un gigante che offrono semi e proteggono un pulcino, perdersi con lo sguardo nei colori accesi di una pittura informale, e poi sfogliare un poderoso volume contenente l’infinita serie costituita da miliardi di cifre e lettere con la quale si trascrive il genoma di una gallina.

In visione opere come: Mechelse Koelkcek realizzato nel 1999, stampa litografica Lambda; Mechelse Louisiana  del 2004, stampa litografica Lambda; Domesticated Giant del 2015, scultura in bronzo e vetro; Medusa, 2018, scultura in marmo tassidermia; Medusa, 2019, scultura in marmo, tassidermia; Temptation del 2018, marmo, tassidermia, guscio d’uovo di struzzo.  

Accompagna la rassegna un catalogo con un testo di Mario Botta, raccoglie  i saggi critici del curatore Didi Bozzini, dello storico dell’arte James Putnam, del biochimico Marcus Thelen. Seguono un’intervista di Pierluigi Panza all’artista nonchè un saggio autobiografico di Vanmechelen. Inoltre, all’interno sono presenti due sezioni iconografiche: le immagini delle opere in mostra e un album fotografico con le immagini dell’allestimento delle opere nel Teatro dell’architettura Mendrisio.    

Orari della mostra: martedì – mercoledì – venerdì – sabato – domenica dalle ore 12.00 alle ore 18.00 – giovedì dalle ore 14.00 alle ore 20.00

Sede: Teatro dell’architettura Mendrisio – Via Turconi 25  – Mendrisio, Svizzera – Per informazioni: Tel.: +41 58 666 5867 .                                

Giuseppe Lippoli                       

anna.rubinetto
ADMINISTRATOR
PROFILE

Posts Carousel



Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos