Presentato oggi a Milano a Palazzo Marino la prima reliase del calendario di Expo in città, palinsesto che animerà la vita dell’area metropolitana milanese durante il semestre dell’Esposizione Universale.

Un vasto piano di comunicazione che per dirla con le parole del coordinatore di Expo in città, Claudio Artusi, “non esprime colonizzazione ma correlazione” con la grande kermesse che vede Milano diventare la location per eccellenza, “the place to be”.
La cabina di regia, creata dal Comune di Milano e dalla Camera di Commercio per coordinare e promuovere l’offerta di eventi, ha così concluso una prima fase di raccolta e selezione. Saranno circa 7.000 gli appuntamenti tra mostre, concerti, spettacoli, convegni scientifici, eventi sportivi, festival, rassegne, manifestazioni sui temi agroalimentari e sociali, iniziative ed eventi .
Un palinsesto di iniziative che verrà narrato attraverso sei icone, appartenenti al patrimonio artistico di Milano mentre dieci parole chiave organizzeranno l’offerta per aree di interesse in un indice tematico facile da consultare.  Queste le aree individuate: Performance, Art, Media, Creativity & Style, Leonardo, Kids, Science, Well Being, Città Mondo e Feed the Planet.
Sei capolavori associati a sei parole (BEginning, BEloved, BElong, BEside, BEyond e BElieve) che ne esprimono il significato simbolico e generano la frase “Milano, a place to BE”.
Il Quarto Stato di Pellizza da Volpedo a maggio segna l’inizio (BEginning) di Expo in città; a giugno, il tema dell’amore (BEloved) viene rappresentato dal Bacio di Hayez;
Lo Sposalizio Della Vergine di Raffaello è l’icona di luglio e dell’appartenenza (BElong); ad agosto, la solidarietà (BEside) viene raffigurata dalla Pietà Rondanini di Michelangelo; settembre è il mese in cui guardare oltre (BEyond) con il Concetto Spaziale Attesa di Lucio Fontana; mentre a ottobre L’Ultima Cena di Leonardo è l’icona che invita a credere (BElieve).
Per centralizzare, semplificare e informatizzare tutte le richieste provenienti dagli operatori, il Comune di Milano ha creato lo “Sportello Expo in Città”, che ha l’obiettivo di migliorare e facilitare i rapporti tra operatori e Pubblica Amministrazione sul fronte delle procedure autorizzatorie che oggi fanno capo a diversi Settori e Direzioni del Comune.
A partire dal 15 novembre, tutti coloro che durante il semestre di Expo (1° maggio–31 ottobre 2015) vogliono organizzare eventi in città potranno accedere a un’unica sede, non solo per ricevere supporto e orientamento, ma anche per presentare le diverse istanze necessarie ad ottenere le autorizzazioni e licenze richieste. Per consentire inoltre agli operatori di programmare al meglio, le richieste di occupazione di suolo pubblico possono essere presentate fino a 9 mesi prima dell’evento.
Gli operatori potranno sempre – fino al 1° maggio 2015 e anche durante il semestre dell’Esposizione – contribuire con le loro proposte ad arricchire il palinsesto di Expo in Città 2015.
La parola d’ordine è partecipare e fare squadra, infatti Expo in città ha siglato con Confcommercio Milano una convenzione per la realizzazione del progetto “Ambassador”, che vede gli esercizi commerciali farsi ambasciatori di Expo in città, diventando infopoint e punti di riferimento per i cittadini e turisti. I negozi che decidono di aderire al progetto diffonderanno il brand Expo in città con vetrofanie, loghi, insegne e metteranno a disposizione dei clienti materiale informativo su Expo in città e sull’Esposizione Universale. Per poter aderire, i commercianti dovranno impegnarsi al rispetto di un decalogo finalizzato a migliorare l’accoglienza del visitatore. Tra i punti del decalogo: disponibilità all’apertura nel periodo estivo, aperture straordinarie, conoscenza della lingua inglese, informazione sulle attrazioni turistico/culturali della città, particolare attenzione all’informazione trasparente sui prezzi ai visitatori stranieri.
Durante la presentazione del calendario anche Diana Bracco ha voluto evidenziare che anche i 2500 eventi del Padiglione Italia saranno armonizzati con le altre iniziative per mantenere la missione principale di Expo che è educare ed intrattenere il pubblico.
Tutti gli appuntamenti di Expo in città sono consultabili e in costante aggiornamento sul sito http://lenews.info/2014/10/27/primo-calendario-di-expo-citta-7000-appuntamenti-milano-place/

Monica Basile