Presentato a Milano il giallo Il Doppio Perturbante di Pierluigi Bacci

Presentato a Milano il giallo Il Doppio Perturbante di Pierluigi Bacci

Dopo la presentazione A Fiesole, doverosamente fatta nella sala delle Robbiane del Museo Bandini, il libro giallo “Il doppio perturbante”    è stato presentato a Milano giovedì 11 ottobre – alle ore 18 – nel bistrot “Tutto bene, grazie” di corso Magenta, 30. Sarà un colloquio confidenziale tra Edmondo Bruti Liberati (già Procuratore della Repubblica di

Dopo la presentazione A Fiesole, doverosamente fatta nella sala delle Robbiane del Museo Bandini, il libro giallo “Il doppio perturbante”    è stato presentato a Milano giovedì 11 ottobre – alle ore 18 – nel bistrot “Tutto bene, grazie” di corso Magenta, 30.

Sarà un colloquio confidenziale tra Edmondo Bruti Liberati (già Procuratore della Repubblica di Milano) e l’autore. Un punto di vista professionale verso un punto di vista fantasioso e narrativo.

Il titolo, IL DOPPIO PERTURBANTE, prende spunto da un saggio scritto da Sigmund Freud:

“Il perturbante è quella sorta di spaventoso, che risale a quanto ci è noto da lungo tempo, a ciò che ci è familiare”.

“Oggi chiuso per lutto: sono morto”

Inizia così il giallo, ed è morto davvero Gioele, il proprietario del Bazar in piazza Mino da Fiesole.

La trama rivela un intricato romanzo giallo ambientato negli anni Venti nella Fiesole artigiana e laboriosa cartella stampa dove abitano strani personaggi, succedono cose non chiare e avvengono atroci uccisioni. Delitti che, stranamente, conducono ai quadri di Jacopo del Sellaio, fedeli trasposizioni in pittura de “i Trionfi” del Petrarca.

Un caso complicato, un enigma da decifrare.

Fatti e personaggi veri e di fantasia, si mescolano e s’incontrano in un paese reso grigio dal clima politico che lo avvolge ma colorato dalle persone che ci abitano.

Il maresciallo capo Guerri, aiutato dal maresciallo Lupo, dal giornalista Lepri e dal medico condotto Paoli, riuscirà a risolvere il caso solo grazie a una felice intuizione e a un’attenta lettura delle uniche opere a tema “profano” presenti nel museo.

Pierluigi Bacci
IL DOPPIO PERTURBANTE
Stamp Editore – 2018
Pagine 286 – € 12,90
In copertina: GERARCHIE CELESTI (1420 / 1425)
Bicci di Lorenzo (Firenze, 1373 – 1452) Olio su tavola- Fiesole – Museo Bandini

 

«Il dottor Paoli, seguito dal maresciallo capo Guerri, entrò nel corridoio che dava sulle stanze. Gli altri rimasero sul pianerottolo.

Nell’aria si sentiva un odore di pulito. I due si guardarono negli occhi con un’espressione interrogativa. Guerri fece cenno al maresciallo Lupo di aspettare e con il dottore accanto avanzò verso l’unica porta chiusa. La spalancò e in una stanza da letto linda, vide una donna girata di spalle davanti alla finestra. Indossava un pullover nero e una gonna a quadri. Sul letto c’era seduta una grande bambola di porcellana con un vestito bianco e un cappellino viola con la veletta.

Quando la donna si girò, Guerri e Paoli non poterono fare a meno di esclamare all’unisono:

“O mio dio!”. »

 

 

NOTE SULL’AUTORE

Pierluigi Bacci è nato a Firenze e risiede sulle colline di Fiesole dove si occupa di comunicazione.
Il suo Ufficio Stampa ha come clienti aziende che producono mobili e oggetti d’arredamento, manufatti e gioielli in argento, profumi per la persona e per l’ambiente, cioccolato, vino, turismo e collabora con riviste e siti di questi settori.
Ha scritto un libro dove sono raccolte favole, novelle, racconti, poesie: “Di, a, da…” (1989) e libri sul design (Ricordo di Carlo Scarpa, 1990; Gradi di libertà, 1991) e sulla casa vista con gli occhi e i disegni dei bambini (La casa di vetro, 2000; La casa fragile, 2001; La casa della pace, 2003).
Per Angelo Pontecorboli Editore, pubblica nel 2009  “I misteri di Trequanda”, romanzo storico e un po’ noir, ambientato nella Toscana nel 1550; nel 2011 “Firenze – Segreti, storie, misteri e curiosità”, una successione di itinerari e di passeggiate, tra curiosità e bellezze, misteri e storie che si nascondono nelle strade e nei palazzi, nelle chiese e nei monumenti della città. Sempre per Pontecorboli, nel 2013 esce “Toscana – Storie d’amore d’altri tempi”, una ricerca storica e documentata che raccoglie e racconta 18 storie d’amore nate nei luoghi più belli e suggestivi della sua terra. E così si scopre qualcosa di più e di diverso di Dante e Beatrice, di Ilaria e Paolo, di Simonetta e Giuliano, di Filippo e Lucrezia, di Lisa e Francesco… Nomi illustri o, in un primo momento, sconosciuti e che poi riconosceremo o diventeranno familiari, che faranno rivivere il batticuore, le gioie e i dolori del loro amore.
Nel 2014 stampa in proprio un libro dedicato ai tutti i bambini del mondo “Il prato dei fiori invisibili”, con illustrazioni dell’amico e pittore Fabio De Poli.
Nel 2016 edita per L’O profumo  il libro di racconti “l’Origine” che racconta la storia dei profumi di Rossella Gatti, noto “naso” fiorentino, nati dalla maestria del nonno di lei, e che hanno stimolato la fantasia e la penna dell’autore.

 

anna.rubinetto
ADMINISTRATOR
PROFILE

Posts Carousel



Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos