Al Teatro della Cooperativa, per l’apertura di stagione,  due cavalli di battaglia degli attori comici Claudio Batta e Diego Parassole, che faranno trascorrere al pubblico una serata piena di buonumore, in barba ai problemi della vita :
17/18 sett: AGRODOLCE di e con Claudio Batta
19/20 sett: di e con Diego Parassole

giovedì 17 e venerdì 18 settembre 2015 – al Teatro della Cooperativa di Milano

produzione Comici Associati di Officine Falso Movimento srl

AGRODOLCE

di Riccardo Piferi, Claudio Batta, Marco Tagaste

con Claudio Batta

regia Riccardo Piferi

 

Stagione “Cavalli di Battaglia” – Eventi Speciali: Expo non Expo

 Claudio Batta porta in scena AGRODOLCE, uno spettacolo in cui si parla di alimentazione ironizzando sulle abitudini degli italiani a tavola, attraverso i territori più o meno conosciuti delle frodi, delle sofisticazioni alimentari e della ristorazione.

Per la gran parte degli italiani mangiare è una cosa sacra: siamo l’unico popolo che parla di cibo mentre mangia! Andare a mangiare fuori è una moda, da molto tempo: ci sono ristoranti di tendenza di ogni tipo, come i ristoranti etnici: prima c’era il cinese, ora c’è il kebab, e il sushi.

Ma, quando ci mettiamo a tavola, sappiamo cosa stiamo mangiando?

Non siamo più quello che mangiamo, come diceva Feuerbach: oggi siamo quello che compriamo.

Ma cosa compriamo?

Facciamo male la spesa ed è provato che il 30% della nostra spesa finisce nella pattumiera. E naturalmente non può mancare un’acuta osservazione su un’altra passione tutta italiana, le diete.

Agrodolce porta lo spettatore a riflettere sulla tematica dell’alimentazione e degli sprechi con ironia e intelligenza, il tutto condito con una buona dose di sane risate.

 

Schermata 2015-09-16 alle 16.48.53

Sabato 19 settembre (replica il 20, sempre alle 20.45) per la nuova stagione del Teatro della Cooperativa un ‘cavallo di battaglia’ di Diego Parassole dal titolo I CONSUMISTI MANGIANO I BAMBINI, scritto con Riccardo Piferi, regia di Marco Rampoldi.

 

Un titolo esagerato? Forse, ma non troppo!

Comico e umorista di impegno, Parassole ci ha abituato a spettacoli di contenuto sociale, ecologico e umano.

Con gli spettacoli teatrali CHE BIO CE LA MANDI BUONA, e SALDI DI FINE FUTURO, ha dimostrato di essere capace di unire l’umorismo elementare e quotidiano con argomenti difficili, scientifici, a volte persino tecnici.

Sequenze comiche esilaranti che parlano di questioni molto complicate come: l’obsolescenza programmata, i meccanismi che entrano in gioco nel nostro cervello quando dobbiamo acquistare un prodotto e l’eccesso di consumi.

Siamo entrati nell’epoca del “di più è meglio”.

E questa logica la applichiamo a tutto, anche al cibo, protagonista della seconda parte dello spettacolo.

“I consumisti mangiano i bambini” parla di questo: di come continuiamo a sopravvivere ascoltando più la pubblicità che il medico. Di come mangiamo ogni giorno il doppio di quello che ci serve. Del cibo che oggi rischia di essere un “prodotto” di pessima qualità, pensato più per essere venduto che per essere mangiato.

Così l’obesità sta diventando il “male del millennio”.

Si perché oggi, sempre più spesso siamo sovralimentati e nello stesso tempo malnutriti.

Ma noi possiamo fare molto, scegliendo cibi di miglior qualità, quando possibile biologici, e tornando a cucinare in prima persona.

Parassole ci accompagnerà in un viaggio nel mondo dell’alimentazione con uno spettacolo “condito” coi contenuti degni di una conferenza scientifica (se non ci credete potete consultare l’ampia bibliografia da cui sono stati tratti i contenuti dello spettacolo all’indirizzo internet http://www.diegoparassole.it/i-consumisti-mangiano-i-bambini/#!prettyPhoto/1/), ma raccontato col ritmo e col divertimento dei migliori spettacoli comici.

Ma allora perché I CONSUMISTI MANGIANO I BAMBINI?

Certo, è una provocazione. I consumisti non mangiano i bambini… però tutti da tempo stiamo mangiando il loro futuro. E peggiorando la qualità della nostre esistenze.

Possiamo vivere meglio… e senza troppe rinunce.

Parassole ci propone di farlo col sorriso sulle labbra.

Perché imparare a ridere di noi stessi e dei nostri comportamenti poco pensati, può cambiarci la vita. E forse può cambiare anche il nostro girovita.

 

Teatro della Cooperativa (19/20 settembre 2015)

 

SPETTACOLI:            sabato e domenica h. 20.45

PREZZI:          intero 18 € – ridotti 15/9 €

www.teatrodellacooperativa.it – Via Hermada 8, Milano – tel. 02.64749997