Lo sport preferito dagli italiani: L’evasione fiscale

Lo sport preferito dagli italiani: L’evasione fiscale

L’ultimo dei dati presenti nella ricerca del gruppo socialista al parlamento europeo, della quale abbiamo parlato a più riprese nei precedenti articoli, riguarda l’evasione fiscale complessiva pro capite stimata nei 28 paesi dell’Unione Europea. Ricordiamo che la ricerca riguarda gli anni 2016 e 2017. Se su chi occupa il primo posto di questa classifica potevamo

L’ultimo dei dati presenti nella ricerca del gruppo socialista al parlamento europeo, della quale abbiamo parlato a più riprese nei precedenti articoli, riguarda l’evasione fiscale complessiva pro capite stimata nei 28 paesi dell’Unione Europea. Ricordiamo che la ricerca riguarda gli anni 2016 e 2017.

Se su chi occupa il primo posto di questa classifica potevamo non avere dubbi, qualche sorpresa ci viene dagli altri occupanti del podio.
Ma soprattutto ci si deve sorprendere per l’ampiezza della cosiddetta forbice che separa l’Italia, prima in classifica (c’era da dubitarne?) con una stima di evasione annua pro capite (neonati compresi) di 3.147 euro, dalla Bulgaria, ultima con 531 euro annui.
Come a dire che un italiano evade le imposte e tasse come sei bulgari messi assieme.
Se poi pensiamo che l’Italia ha oltre 60 milioni di abitanti e la Bulgaria poco più di 7 milioni, si vede chiaramente quale mole di evasione riguarda il nostro paese. 

Questa è la graduatoria dell’evasione che si ricava dalla ricerca (euro/abitante):

Italia                            3.147                                                    Paesi Bassi                     1.307
Danimarca                  3.066                                                   Spagna                            1.292
Lussemburgo             2.777                                                   Slovenia                          1.260
Belgio                          2.668                                                    Lituania                          1.073
Malta                          1.999                                                    Estonia                            1.064
Finlandia                    1.950                                                    Portogallo                       1.064
Cipro                           1.886                                                    Slovacchia                          995
Grecia                         1.845                                                    Ungheria                            926
Francia                        1.769                                                    Polonia                               911
Svezia                          1.716                                                    Lettonia                              863
Germania                   1.522                                                    Croazia                                835
Austria                        1.483                                                    Rep. Ceca                           834
Irlanda                        1.460                                                    Romania                             820
Regno Unito              1.338                                                    Bulgaria                               531     

La prima considerazione che viene guardando questa tabella, e confrontandola con quella del precedente articolo “Dove va questa Europa 2”, è che i sette paesi dove la pressione fiscale supera il 40% sono tutti compresi nelle prime dieci posizioni della graduatoria dell’evasione, tranne l’Austria che è dodicesima.
Evidentemente il troppo stroppia anche in materia di tasse e imposte. Forse un alleggerimento della pressione fiscale potrebbe portare ad un minore stimolo all’evasione.  

La seconda considerazione riguarda le sorprese della graduatoria. Ci siamo sempre sentiti portare ad esempio i paesi del Nord Europa per la loro serietà in tutti i campi, compreso quello fiscale, ed ora ci troviamo a vedere che i tre paesi del nord che fanno parte dell’Unione Europea, Danimarca, Finlandia e Svezia, sono tutti nella parte alta della graduatoria dell’evasione. Addirittura la Danimarca, secondo le stime della ricerca, sarebbe al secondo posto dopo l’Italia. Probabilmente questa mitizzazione del Nord Europa dovrebbe essere rivista.  

La terza considerazione riguarda la distinzione tra i paesi dell’area euro e i paesi che continuano ad operare con le monete nazionali. Dei diciannove paesi dell’area euro, otto sono compresi nei primi dieci della graduatoria dell’evasione. Per contro, negli otto paesi dove l’evasione è inferiore a mille euro/anno pro capite, solo due, Slovacchia e Lettonia, appartengono all’area euro.   

L’ultima considerazione si ricollega a quella già fatta circa l’evasione all’IVA (A proposito di IVA). Non crediamo che i paesi in fondo a questa graduatoria, dove l’evasione globale è inferiore ai mille euro/anno per abitante, abbiano una popolazione dotata di un alto senso civico, che la porta ad adempiere in grandissima parte ai propri doveri nei confronti del fisco. È più probabile che in Slovacchia, come in Ungheria o in Polonia ci sia un sistema fiscale collegato ad un sistema di controlli che non consente, o consente in minima parte, di svicolare fra maglie, evidentemente molto strette, della rete dei controlli.
Come ricordavo nell’articolo sull’Iva, qualche anno fa una campagna pubblicitaria contro lo spreco di energia concludeva ogni puntata con lo slogan: “Risparmiare energia si può. Basta volerlo”. Che sia così anche per la caccia agli evasori? O questa non è nel contratto di governo?

    

Alessandro Fabbri

Posts Carousel



Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos