L’arte e l’hotel  Park Hyatt Milano sono legati fin dal  2007, quando  la Testa di Medusa di Lucio Fontana fu posata nella Cupola Lobby Lounge dell’hotel, ad accompagnare gli ospiti nei diversi momenti del loro soggiorno: testimone e fonte di ispirazione costante.

Oggi, a dieci anni dall’inaugurazione, l’hotel vuole testimoniare il suo amore per la cultura, ponendo nel luogo che ha ospitato l’opera di Fontana un nuovo e straordinario capolavoro, che reca la firma di Anish Kapoor, uno dei più grandi artisti contemporanei.

Nel corso della sua straordinaria carriera, Anish Kapoor, vincitore del Turner Prize, ha saputo combinare arte e scienza in un’unica esperienza sensoriale ricca di molteplici livelli di lettura.  Le sue opere più rinomate si trovano al Rockefeller Centre di New York, al Millennium Park di Chicago e al Guggenheim di Bilbao.

Ora, grazie  alla collaborazione con la Galleria Massimo Minini, la Cupola del Park Hyatt Milano si specchierà in Untitled 2013.

Nei suoi 190 cm di diametro di acciaio inox lucidato a specchio, Untitled 2013 entra in relazione con l’interezza dell’ambiente, quasi a volerlo raccogliere in un unico spazio, ma al tempo stesso lo moltiplica, lo frammenta, lo ripete, lo divide.

 L’opera ricorda, nella sua ineffabile capacità di riflettere una visione frammentata dello spazio, certe fotografie di David Hockney, per la caratteristica di moltiplicare i dettagli sovrapponendoli gli uni agli altri, in un processo non statico, ma in un divenire che sembra animarsi al minimo movimento.

Untitled 2013 ha la rara dote di “magnificare”, di abbellire, di modificare, di aumentare la qualità dei significati che la circondano.

 In quest’opera l’artista invita a scoprire un’infinita gamma di sensazioni ed esperienze, regalando a chi osserva l’opera d’arte  scorci sempre nuovi e dinamici.

 Park Hyatt Milano si riconosce in questa visione di eccellenza, che impronta tutto l’interno di quest’hotel che si distingue per raffinatezza e qualità dei servizi.

Park Hyatt e l’Arte

L’arte rappresenta per gli hotel Park Hyatt ben più di una scelta estetica, è uno dei fili conduttori che da sempre li caratterizza nel mondo, così come caratterizza gli interessi e le passioni della famiglia Pritzker, proprietaria della catena.

A testimoniare l’importanza non occasionale della relazione tra Park Hyatt e l’arte, il programma Artphaire (http://www.artphaire.com/), magazine di arte contemporanea di cui Park Hyatt è editore, dedicato a raccontare le storie e i segreti di mostre, opere, collezioni e artisti.

 Foto by Park Hyatt Milano